Dove investire oggi in modo sicuro

dove-investire-oggi-sicuri

E’ da poco iniziato l’anno nuovo e tra le domande più comuni che i piccoli investitori si pongono è dove investire oggi in modo sicuro i propri risparmi.

Trattandosi dei risparmi la necessità di non rischiare è normale anzi deve essere così. Ovviamente un investimento sicuro equivale a rendimenti bassi e che un investimento con alti rendimenti, anche se dicono sia sicuro, non è assolutamente vero.
A fronte di un rendimento si deve rischiare parte del proprio capitale, ma quanto, come investire in modo sicuro?

Prima di tutto è bene chiarire che c’è nulla di sicur, possiamo invece parlare di investimenti a basso rischio o alto rischio.

Per investire sicuri su prodotti finanziari, vanno scelti unicamente prodotti emessi da enti sicuri, ovvero che garantiscano il rimborso con la massima certezza possibile nel sistema, ovvero la garanzia dello Stato.
Così la scelta possibile è tra i titoli statali, che essendo emessi dallo Stato stesso hanno la sua garanzia, l’investimento in Posta, che è coperto da garanzia al 100% dello Stato essendo questo il proprietario delle Poste, e infine l’investimento bancario che pur non godendo in proprio di garanzia statale, fino ai 100.000 euro è coperto dall’apposito fondo di garanzia dei depositanti che possiamo considerare tuteli come una garanzia statale poiché risarcisce l’investitore in caso di fallimento della banca.

I titoli di Stato sui quali possiamo investire in modo sicuro si dividono in più categorie: si definiscono BTP i titoli statali con cedola fissa e CCT quelli con cedola variabile, BOT e CTZ invece non possiedono cedola mentre BTPi e BTP Italia hanno una cedola che è indicizzata all’inflazione.
Tra tutti questi, per avere il minor rischio di fluttuazioni del prezzo scegliamo quelli con scadenze inferiori a 3 anni.
L’investimento in titoli di Stato è e rimane un buon investimento ma va considerato che per accedere ad esso bisognerà aprire presso una banca un conto deposito titoli i cui costi dovranno essere detratti dagli utili derivanti dall’investimento, così come le commissioni bancarie di acquisto e vendita titoli, nonché quelle di incasso della cedola dovranno sempre essere detratte dagli utili. Si tratta quindi di un tipo di investimento possibile per tutti i piccoli risparmiatori ma consigliabile unicamente se possiedono un patrimonio medio, altrimenti i costi superano il rendimento.

In alternativa ci sono i conti deposito, ai tratta di conti dove non è possibile effettuare pagamenti o riceverne, ma si possono usare unicamente per mettere a fruttare le proprie disponibilità liquide. A fronte di tali limiti vi sono dei plus: il fatto che generalmente non prevedono alcun costo di apertura, chiusura, invio estratto conto, versamento o prelievo. Sono conti gratuiti insomma, il cui unico costo è l’imposta di bollo dovuta allo Stato. In questi conti, poi, la remunerazione è superiore a quella di un conto corrente ordinario, particolarmente se si sceglie di vincolare la liquidità a 3, 6, 12, 18, 24 mesi. Il fatto però che ci sia il bollo da pagare ci obbliga a fare due conti perché anche qui nel caso di investimenti piccoli potrebbe essere che il gioco non valga la candela.
Il consiglio è di controllare le offerte delle banche in termini di conti deposito e fare due conti con la calcolatrice per vedere effettivamente quanto guadagneremo detratto il costo del bollo.

Un’altra forma di investimento sicuro è rappresentata dai libretti postali che rimangono ancora privi di bollo e tutto sommato per chi possiede disponibilità inferiori a 5.000 euro sono oggi un tipo di investimento da non scartare.

Rispondendo alla domanda come investire oggi in modo sicuro ti consiglio di confrontare i rendimenti dei vari prodotti e scegliere quello più adatto alle proprie esigenze non dimenticando che per alcuni il capitale investito può essere vincolato per un determinato periodo di tempo.

Scordatevi di diventare ricchi con il trading online

guadagnare-soldi-trading

Molte persone iniziano l’attività del trading con il desiderio di guadagnare soldi. Ci sono anche altre persone che vedono il trading come un modo per diventare ricchi, altri pensano di riuscire a vivere di trading.
Scordatevi in partenza di diventare ricchi con il trading, è molto difficile o quasi impossibile se non si dispone di capitali molto grandi e una grande esperienza; discorso diverso è per chi vuole vivere di trading, questo è possibile ma servono prima di tutto due cose:

  • Capitale da 5.000 a 10.000 euro per iniziare
  • Esperienza
  • Una valida strategia

Perché è necessario avere un un capitale così “grande” per iniziare?

È molto semplice, fare trading con un piccolo capitale impone per forza assumersi grandi rischi per ottenere certi profitti. Se invece si dispone un capitale grande, si possono ottenere gli stessi guadagni ma con un rischio molto più basso.

E’ importante non iniziare con un capitale molto piccolo, proprio per il fatto che con pochi fondi, si tende ad utilizzare una leva assolutamente fuori proporzione, che rende il trading molto pericoloso. Questo è un po il “trucco” che i broker forex utilizzano per aver ragione sui trader, vedi i broker che offrono la possibilità di investire solo 100 euro!!!

La strategia è poi molto importante. Ne dovete avere assolutamente una che deve essere sempre rispettata. Ricordiamo che la componente umana è quel fattore che nel 99% dei casi trasforma un trader valido in un trader perdente. Se le regole non vengono rispettate, la strategia non è rispettata, e quindi tutti gli sforzi diventano inutili.

Quanto è possibile guadagnare molti soldi con il trading?

Essenzialmente, non ci sono limiti per guadagnare, il mercato dà e toglie, ma il guadagno dipende principalmente da quanto siete affamati, da quanto volete diversificare il vostro portafoglio, da se volete fare trading manuale oppure investire in strategie automatiche, da se la vostra strategia è a basso oppure ad alto rischio.

Gli aspetti mentali poi, come vi abbiamo già accennato, sono uno dei fatto predominanti. Può capitare che durante una giornata “storta”, il vostro account di trading possa inanellare una serie di operazioni perdenti, ma non dovete scoraggiarvi se la vostra strategia è solida sul lungo termine.

Non dovete inoltre focalizzarvi su un grande numero di mercati diversi, ma prendere una nicchia ed iniziare a studiarla, diventandone un esperto. Concentratevi su uno o due mercati se siete un trader, studiate in demo molte strategie, se siete degli investitori, diversificando sempre il vostro investimento. Fai trading con operazioni piccole, fai trading più spesso e vedrai subito dei risultati arrivare sul tuo account di trading.

E’ possibile vivere di trading ma non assumetevi comunque il rischio di lasciare il vostro lavoro sicuro, per buttarvi in un business dove non siete al 100% certi che la vostra strategia è sicura e funzionante.

Fare trading non è certamente semplice. Se volete fare del trading un’attività remunerativa dovete prima di tutto registrarvi su un broker che sia regolamentato dalla CONSOB, e che quindi sia legale in Italia. Scegliere un broker forex con zero commissioni e bassi spread è inoltre importante, in quanto con uno spread basso riuscirete a guadagnare molto di più rispetto ad uno spread alto.

Lo strumento più utilizzato dai trader: l’analisi tecnica

analisi-tecnica

L’analisi tecnica è lo strumento più utilizzato dai trader per cercare le diverse informazioni di mercato, come il volume degli scambi, cercando di prevedere il mercato con i prezzi passati ed i prezzi correnti.
Con queste informazioni i trader sono in grado di determinare l’apertura e la chiusura delle proprie operazioni di trading come costruire strategie in grado ottenere profitti sui movimenti dei prezzi dei diversi asset finanziari.

I trader esperti considerano le ripetizioni dei campionamenti dei prezzi in movimento per prevedere i possibili risultati dei prezzi futuri. Detto in altre parole, essi cercano di determinare le tendenze di mercato.

L’Analisi tecnica è valutata in 3 tendenze di mercato principali:

  • Trend positivo
  • Trend negativo
  • Trend statico o anche detto mercato laterale

I tre principali grafici usati:

  • Grafico a linea; linea grafica è la più semplice, grafico che unisce un periodo di chiusura con un altro.
  • Grafico a barre; questo include più dettagli rispetto al precedente. Ogni periodo è indicato con una barra. La barra non mostra solo i movimenti di prezzo da una barra all’altra, ma mostra anche i movimenti dei prezzi nei periodi allo stesso tempo, fornendo il livello più alto (High) raggiunto nella seduta, quello più basso (Low), il valore di apertura (Open) che coincide con la linea a sinistra della barra verticale, ed il valore di chiusura (Close), linea a destra della barra verticale.
  • Grafico tipo Candlestick; è molto simile ai grafici a barre. Superfici colorate ci forniscono i movimenti del mercato a colpo d’occhio. In ogni singola candela è rappresentato il prezzo minimo e massimo, il prezzo di apertura e di chiusura. Tra l’apertura e la chiusura si ha una candela con l’intervallo di tempo prescelto; mentre la linea (detta “stoppino” o “scia”) è visualizzata fra il prezzo minimo ed il massimo. Queste informazioni grafiche sono completate come già detto dai colori, candele rosse significano un mercato bearish ovvero mercato in perdita, candele verdi indicano un mercato bullish ovvero mercato in crescita.

Livelli di Supporto e Resistenza dei prezzi

I livelli di supporto e resistenza sono due concetti che si affrontano spesso nel mercato forex. In realtà, ognuno di noi ha i suoi punti di supporto e resistenza.

  • Punto di Supporto: è la resistenza del mercato ai prezzi discendenti
  • Punto di Resistenza: reazione del mercato a prezzi crescenti

Canale di trend

Il Canale di trend comprende le linee di supporto e resistenza, mostra un corridoio di prezzi, disegnando una linea parallela a quella della linea di trend. In aumento in caso di tendenza rialzista, il canale è verso l’alto, ascendente; in caso di tendenza ribassista il canale è verso il basso, discendente.
Finché qualsiasi direzione non è disponibile in variazioni di prezzo, il canale di tendenza è visto come un piano orizzontale (mercato laterale).

Il modello testa e spalle (Head and Shoulder)

E’ uno dei modelli più utilizzati e precisi per determinare una inversione di tendenza, è un modello grafico che rientra nella categoria dei grafici ad inversione ribassista o rialzista. Si verifica nella parte superiore o inferiore di una tendenza è utilizzato per determinare un’inversione ribassista o rialzista di un di prezzo.